Questa quarantena sta mettendo in difficoltà tutti noi, ma una cosa è chiara: oramai abbiamo una prova inconfutabile di quanto e come i nostri comportamenti quotidiani abbiano un impatto diretto sul pianeta intorno a noi.

 

È un’informazione che potrebbe sembrare ovvia, ma per molti è sempre stato un “finchè non vedo, non credo”.

Dopo quasi un mese di restrizioni gli effetti del coronavirus sull’Ambiente sono che i livelli di biossido di azoto, un marcatore dell’inquinamento, appaiono ridotti chiaramente. Dati rilevati dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA).

In Cina a inizio Marzo è stato rilevato un calo del 30%.

Dato che pareva irraggiungibile.

Leggiamo spesso frasi come “eroi di oggi sul divano”, e sembra paradossale, ma è una frase vera perché stare a casa e non avere contatti esterni salva vite e contrasta il nemico. Certo non è andare in guerra e non è combattere in corsia.

Ogni semplice persona, che non vive la situazione degli ospedali e nemmeno il vero dramma di sapere che amici e parenti sono ammalati senza poter fare assolutamente niente per loro, nemmeno stargli vicino, vive un sacrificio importante.

Non dimentichiamo che possiamo essere eroi anche domani perché non è sempre necessario vedere il pericolo con i nostri occhi per poterlo riconoscere; questo dovremmo averlo imparato. Se un problema sembra lontano o semplicemente è dall’altra parte del mondo non significa che non ci sia.

“Nature needs heroes” e “we can be heroes” canta David Bowie, aggiungerei non solo per un giorno come cita la canzone. Attraverso delle politiche industriali, sociali e ambientali adatte è possibile modificare sia il modo di pensare che di comportarsi dei consumatori e delle aziende.

Infatti, nonostante i dati positivi, senza una trasformazione radicale dei nostri sistemi di produzione e di consumo, è altamente probabile che qualsiasi riduzione delle emissioni innescata da tali crisi sia di breve durata.

La neutralità climatica, o meglio il raggiungimento di un equilibrio tra le emissioni e l’assorbimento di carbonio, è un obiettivo previsto anche dall’Accordo di Parigi del 2015 firmato da 195 paesi, inclusa l’Unione Europea. Lo scopo è arrivabile attraverso una riduzione graduale e irreversibile delle emissioni.

Questo è possibile solo attraverso una strategia chiara, forte e sinergica di Paesi. Facciamo del nostro meglio per impedire l’aggravarsi delle condizioni ambientali e facciamolo presto.

 

Cloe

Articoli

QUENELLE DI ZUCCA

QUENELLE DI ZUCCA

   Quenelle di gnocchi di zucca su fonduta di taleggio. Ingredienti: Zucca mantovana 500 g Patate rosse 350 g Farina 00 150 g Fecola di patate 50 g Uova (1 medio) 57 g Sale fino 3 g Pepe nero 1 pizzico Noce moscata 1 pizzico Fare gli gnocchi di zucca non è troppo...

FARE NATALE NONOSTANTE IL COVID

FARE NATALE NONOSTANTE IL COVID

  Il vocabolo “ambiente” viene accorpato molto spesso al concetto di “natura”, ma fin dai tempi di Galileo Galilei si usa per indicare lo spazio in cui una persona o un oggetto giace. Lo spazio intorno al quale ci si relaziona. Ognuno ha un proprio angolino del...

DEL MAIALE NON SI BUTTA VIA NIENTE

DEL MAIALE NON SI BUTTA VIA NIENTE

Il 29 settembre è stata istituita la giornata contro lo spreco delle risorse alimentari. Too Good To Go, troppo buono per essere lasciato andare, è una startup danese che nasce con l’idea di salvare il cibo che verrebbe, altrimenti, gettato nella spazzatura. Ecco la...