Negli ultimi mesi i carrelli della spesa sono cambiati. Nei primi giorni di lock-down dovuto al Covid-19 c’è stato un vero e proprio assalto al supermercato. Le piccole botteghe di paese non hanno mai visto un afflusso di persone così alto.

La corsa agli acquisti, fin dall’inizio della quarantena, si è focalizzata verso i prodotti elementari con scadenza lunga. Il timore che con il proseguire del contagio i prodotti di prima necessità sarebbero diminuiti ha fatto sì che ci fosse un boom degli acquisti di farina, lievito, mascarpone, miele, burro, zucchero e uova. Alcuni post dicono che rispetto al 2019 gli Italiani hanno consumato il triplo di pasta, riso e farina, forse non è un’informazione scientificamente provata, ma gli scaffali dei supermercati con questa categoria di prodotti erano sempre vuoti.

Molti nuovi cuochi si sono attrezzati per preparare in casa cibi che normalmente si comprano già pronti, un po’ con la curiosità di sperimentare nuove attività un po’ per trascorre il tempo in modo diverso.

In alcune case si è iniziato a fare i turni per chi preparava da mangiare qualcosa di nuovo, di diverso che potesse creare un momento di condivisione, una gioia, un momento speciale. Viviamo di momenti speciali no?

Quindi il mercoledì pizza, il giovedì piatto messicano, domenica, perché ci vuole tanto tempo, sushi. Molti sono diventati “grandi chef”, tutti si sono perfezionati. D’altronde quando una pandemia globale sconvolge le abitudini bisogna correre al riparo e creare, per quanto possibile, una routine nuova.

L’imposizione di regole serrate dovute alla necessità di effettuare un distanziamento sociale ha cambiato le abitudini di spesa e di vita. Tra le novità della quarantena è comparsa anche la possibilità di ordinare a casa il cibo preparato dai migliori ristoranti.

Chissà se questo delivery, iniziato anche nei piccoli paesi di provincia, continuerà?

Personalmente mi piacerebbe. La bellezza di una cena fatta bene in casa senza la fatica di raddoppiare dosi e porzioni, di cucinare per molti è impagabile. É  l’opportunità di “avere sia la botte piena che la moglie ubriaca”.

Speriamo che alcune cose tornino come prima ed altre restino come sono state cambiate. Speriamo magari che il fisico non rimanga come ora dopo essere  stato ben provato da questi mesi di tanto cibo e poco movimento… forse necessitava una sessione di work out in più per smaltire la quantità industriale di carboidrati ingeriti! Grazie a Dio le persone, chi prima e chi dopo, si stanno cominciano a reincontrare e la scusa “ la telecamera gonfia un po’” degli appuntamenti via zoom non si può più utilizzare. Devo per forza ricominciare la dieta e lo sport!

 

Cloe

Articoli

QUENELLE DI ZUCCA

QUENELLE DI ZUCCA

   Quenelle di gnocchi di zucca su fonduta di taleggio. Ingredienti: Zucca mantovana 500 g Patate rosse 350 g Farina 00 150 g Fecola di patate 50 g Uova (1 medio) 57 g Sale fino 3 g Pepe nero 1 pizzico Noce moscata 1 pizzico Fare gli gnocchi di zucca non è troppo...

FARE NATALE NONOSTANTE IL COVID

FARE NATALE NONOSTANTE IL COVID

  Il vocabolo “ambiente” viene accorpato molto spesso al concetto di “natura”, ma fin dai tempi di Galileo Galilei si usa per indicare lo spazio in cui una persona o un oggetto giace. Lo spazio intorno al quale ci si relaziona. Ognuno ha un proprio angolino del...

DEL MAIALE NON SI BUTTA VIA NIENTE

DEL MAIALE NON SI BUTTA VIA NIENTE

Il 29 settembre è stata istituita la giornata contro lo spreco delle risorse alimentari. Too Good To Go, troppo buono per essere lasciato andare, è una startup danese che nasce con l’idea di salvare il cibo che verrebbe, altrimenti, gettato nella spazzatura. Ecco la...